sabato 15 aprile 2017

I colori dello stile shabby chic “trasandato/elegante”



Ultimamente sta prendendo piede nell’arredamento della casa lo stile shabby chic. La traduzione letterale è “trasandato/elegante”, quindi apparentemente non molto curato, quasi consumato, vecchio, ma al tempo stesso chic ed elegante. È proprio questo che piace di questa nuova tendenza che riguarda non solo l’arredamento, ma anche l’oggettistica e il colore delle pareti.

I colori dello stile shabby

In questo stile la scelta dei colori è importantissima. Le tonalità più usate sono quelle tenui, chiari e pastello. In particolare, i colori shabby sono il beige, l’avorio, il bianco, il grigio, il verde acqua e il rosa chiaro.


Suppellettili e oggetti vari devono avere un aspetto consumato, quindi i materiali che più si prestano sono il legno, la ceramica e la latta. La vernice dei mobili non deve essere perfetta, bensì raschiata, come se ogni cosa provenisse dalla soffitta della nonna.


Lo stile shabby è applicabile su tutti vani (stanze da letto, saloni, soggiorni, bagni, cucine) e su tutte le cose: cuscini, tovaglie, asciugamani, piatti. Per quanto riguarda i mobili, le tinte non sono semplicemente color legno, ma anche color lavanda o bianco slavato. Il tutto può essere arricchito da vasi con fiori dai colori delicati, come rose, ortensie e camelie.

Non mancano candele dai profumi provenzali inserite in semplici barattoli di vetro. Lo stile shabby con i suoi colori delicati crea un’atmosfera raffinata, calda, accogliente, quasi ovattata.








Chi ama questo tipo di arredamento ha una personalità creativa ed originale, romantica. Ogni mobile o oggetto shabby sembra raccontare una storia perché sembrano vissuti in diverse epoche e da diverse persone. I colori sfumati, opachi, delicati donano all’ambiente un aspetto vintage ma sempre attuale: tortora, salvia, azzurrino, arancione delicato si trovano su tante decorazioni e complementi d’arredo. La visione d’insieme reca un’aria leggera, fatata, onirica dove i ricordi dell’infanzia sembrano rivivere.





fonte dell'articolo